Dichiarazione della Cochrane sulle restrizioni ai viaggi negli USA

http://community.cochrane.org/news/cochrane-statement-us-travel-restrictions

Messaggio di Lisa Bero e Cindy Farquhar, Co-Chairs, a nome del Cochrane Governing Board


Cari membri della Comunità Cochrane,

scriviamo per esprimere la nostra preoccupazione per il Travel ban indetto dal Presidente degli Stati Uniti Trump. Il 5 febbraio il divieto è stato sospeso. Indipendentemente da questo, la Cochrane è da sempre impegnata a promuovere una cultura in cui ogni individuo è trattato in modo equo e con rispetto. Questo divieto viola due principi che ci stanno a cuore:

Collaborazione - favorendo
cooperazione globale, lavoro di squadra, comunicazione e processo decisionale aperti e trasparenti.

Ampia partecipazione - nel nostro lavoro, riducendo le barriere così da agevolare e incoraggiare la diversità.

La nostra idea è quella di un mondo volto al miglioramento della salute, in cui le decisioni riguardo la salute e l'assistenza sanitaria siano basate su prove di alta qualità, pertinenti e aggiornate. Questo può essere raggiunto solo attraverso la libertà di collaborare per far progredire la scienza e la salute. Il valore di incontrarsi di persona, discutere e scambiarsi idee non può essere sottovalutato. Riconosciamo il disagio che questo divieto sta causando a molti dei nostri membri e il senso di gelo che si ripercuoterà sul nostro lavoro e sulla scienza in generale.

Nei prossimi giorni e settimane, la Cochrane si unirà con altre società scientifiche e professionali per protestare formalmente contro questo divieto. Se avete suggerimenti o idee su come la Cochrane potrebbe essere coinvolta, vi preghiamo di condividerli via email ban@cochrane.org.

6 febbraio 2017